ASSOCIAZIONE LIBERI COSTRUTTORI DEL DOMANI..... per edificare un'altra Italia

Un grave rischio:metabolizzare la sottrazione di libertà!

Una delle più grandi responsabilità che un popolo si possa assumere è quella di metabolizzare la sottrazione di libertà accettando che convincimenti illiberali si installino nelle coscienze, contrabbandati come normale adeguamento allo scorrere del tempo. Un processo che sta pericolosamente diffondendosi nel nostro Paese. Viene normalmente indotto creando, tramite i mass-media, un pensiero unico dominante che fa da catalizzatore alla riduzione graduale di alcune nostre prerogative di libertà.
L’esempio. Di fronte ad una situazione economica disastrosa, deindustrializzazione, aumento della povertà, escalation della disoccupazione quelli che ci governano in modo scellerato dovevano reperire un capro espiatorio, al fine di distrarre i cittadini dai 200 miliardi di euro dissipati ogni anno! La risposta è stata facile e immediata: l’evasione fiscale! Hanno sparato cifre di tutti i tipi 100 miliardi, 91, 240, perfino 500, poi la storiella dei dipendente che mediamente dichiarano più degli imprenditori datori di lavoro. Nessuno ha replicato che con manager pubblici, in ogni caso dipendenti, che incassano milioni di euro all’anno e con dirigenti regionali a 28.000 al mese era ovvio. Poi la favoletta di Fedro dei possessori di Ferrari sconosciuti al fisco e varie amenità di facile presa sul pubblico. Tutto per creare un clima favorevole a provvedimenti degni di una stato totalitario. La verità sull’evasione! Esiste, non danneggia lo stato ma i cittadini costretti a pagare per quelli che non versano. Perchè negli 800 miliardi di euro che gli Italiani sborsano ogni anno è già stata calcolato un mancato introito mediante nuove imposte e aumento delle aliquote.
Quindi ciò che viene recuperato, con i metodi da gestapo con cui lo stato conduce la “caccia agli evasori”, dovrebbe essere immediatamente restituito tramite eliminazione e abbassamento di imposte. Cosa che si guardano bene dal fare, incamerando tutto al fine di destinarlo ad ulteriori sprechi e ruberie.
Ma il martellamento continuo circa la necessità di porre un argine “all’evasione fiscale più elevata al mondo” ha avuto il suo effetto. Quello di ottenere l’accettazione, in codardo silenzio, dell’annullamento di alcuni parametri fondamentali di libertà individuale. Non possiamo più disporre in modo incondizionato dei nostri averi: contante limitato a 1000 euro con la prospettiva della totale abolizione, dover fornire spiegazioni di come vengono spesi i pochi soldi che sopravvivono alla pressione fiscale, questa sì, più elevata al mondo. Poi la violazione illimitata, indiscriminata da parte di soggetti diversi dall’autorità giudiziaria dei conti correnti, dei libretti postali, dei risparmi di tutti gli Italiani.
Se consideriamo tutto questo “normale”, alziamo le spalle esclamando “Tanto, cosa voi fà!” allora veramente non c’è più alcuna speranza di salvezza!

IMG 3812

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato

Visitatori

Oggi250
Ieri328
Questa settimana1441
Questo mese4635
Totale98829
Venerdì, 23 Agosto 2019 21:54

liberi-costruttori-del-domani-200

logo con foto 540x309

ASSOCIAZIONE LIBERI COSTRUTTORI DEL DOMANI
Sede: Ancona
quousquetandem@tiscali.it

Presidente: Carlo Negri  Visualizza curriculum